ACCERTAMENTO TECNICO PREVENTIVO CONCILIATIVO PER RICOSTRUZIONE CONTABILE DEL RAPPORTO BANCARIO


E’ stato ritenuto ammissibile il ricorso per l’accertamento tecnico preventivo ai fini della composizione della lite, con istanza di devoluzione ad un CTU del compito della ricostruzione contabile del rapporto bancario, anche mediante acquisizione della documentazione, già richiesta invano in via stragiudiziale ex art. 119 TUB. Si tratta, in ogni caso, di uno strumento giuridico al quale non si fa riferimento con particolare frequenza […] La consulenza tecnica, pertanto, come d’altronde l’istanza di esibizione ex art. 210 c.p.c., non può essere utilizzata al fine di esonerare la parte dal fornire la prova di quanto assume […]. Nello svolgimento dell’attività investigativa, può accadere che il CTU percipiente trovi ostacolo nella mancata collaborazione della controparte. In proposito la Suprema Corte ha osservato che il rifiuto della parte di consentire all’ausiliario le necessarie indagini per l’accertamento dei fatti di causa, costituisce condotta valutabile, ex art. 116 c.p.c. ai fini dell’accertamento della responsabilità
(BOZZELLI G., Banche: informazione, responsabilità e tutela dati personali, AdMaiora Trani, 2018, Cap. VII, pp.433-434).

News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *