BREVE COMMENTO A TRIBUNALE NAPOLI SEZ. 2 ORD. DEL 19.04.2018


Il tribunale, accogliendo le nostre puntuali contestazioni relative al contratto, titolo posto a fondamento del decreto ingiuntivo della banca – tanto sotto il profilo formale (fotocopie del contratto incomplete e difetto di prova del credito), quanto sostanziale (incertezza somma, prescrizione, usura e carenza di legittimazione attiva) – non ha concesso la provvisoria esecuzione ex art. 648 c.p.c., ritenendo non accertate allo stato le condizioni di certezza e liquidità del credito. Accogliendo inoltre la nostra eccezione sulla carenza di effettività della procedura di mediazione espletata (per incompetenza territoriale dell’ente adìto) per un ingiunto e di mancato espletamento per l’altro (si tratta di rapporto bancario in cointestazione), ha disposto la mediazione delegata e rinviato direttamente per precisazione delle conclusioni, non ritenendo necessaria alcuna fase istruttoria.
Si tratta di un risultato di particolare pregio per l’attività del nostro Studio Legale BG&P, che abbiamo ritenuto utile condividere con la comunità dei migliori addetti ai lavori presenti su Linkedin.

News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.